Dieta a basso contenuto di estrogeni: bilancia i tuoi ormoni attraverso un piano alimentare

La dominanza degli estrogeni è una condizione ormonale che a volte colpisce le donne e alcuni uomini. Per combattere questa condizione, alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita sono ritenuti utili. Se ti stai chiedendo cos’è una dieta a basso contenuto di estrogeni e come potrebbe aiutarti se hai questa condizione, continua a leggere per saperne di più.

Che cosa è estrogeno?

Conosciuto anche come estrogeno, è uno dei principali ormoni sessuali presenti nelle femmine biologiche. Mentre questo ormone è spesso notato come un “ormone femminile”, si trova anche nei maschi biologici, anche se in quantità minori . L’ormone è anche classificato in 3 categorie che sono:

  • Estrone (E1) – trovato nelle donne in postmenopausa ed è prodotto nelle ovaie, nel tessuto adiposo e nelle ghiandole surrenali.
  • Estradiolo (E2) – questa variazione è l’ormone sessuale primario nelle donne e si trova sia negli uomini che nelle donne.
  • Estriolo (E3) – Prodotto nella placenta e si trova in quantità più elevate durante la gravidanza.

Cosa fanno gli estrogeni nel corpo? Questo ormone è responsabile di cambiamenti come la crescita del seno, dei peli pubici e ascellari e l’inizio dei cicli mestruali, oltre a mantenere il colesterolo sotto controllo, proteggere la salute delle ossa sia nelle donne che negli uomini e influenzare il cervello, gli stati d’animo, il cuore, la pelle e altri tessuti.

Come abbassare i livelli di estrogeni?

Come detto sopra, l’estrogeno è solo uno degli ormoni presenti sia negli uomini che nelle donne. Quando siamo in perfetta salute, tutti i nostri ormoni sono tutti in equilibrio con nessuno al di fuori del loro range normale. Detto questo, in alcuni casi fattori come farmaci, aumento di peso e altro fanno sì che gli estrogeni superino i suoi livelli normali e diventino squilibrati con il progesterone nelle donne o al di sopra dei suoi livelli ottimali negli uomini.

I sintomi della dominanza degli estrogeni nelle donne includono, ma non sono limitati a gonfiore, seno gonfio e tenero, diminuzione del desiderio sessuale, periodi mestruali irregolari, aumento della fatica e dei problemi di sonno, sbalzi d’umore, mal di testa, ansia e attacchi di panico, aumento di peso, perdita di capelli e altro ancora.

Negli uomini, la dominanza degli estrogeni è caratterizzata da disfunzione erettile, emicrania, aumento di peso, depressione, ipertensione polmonare e ingrossamento del tessuto mammario.

Se stai cercando modi per abbassare i livelli di estrogeni, allora una dieta a basso contenuto di estrogeni può essere utile. Una dieta per abbassare i livelli di estrogeni è uno che.

  1. È ricco di fibre in quanto potrebbe aiutare aumentando l’escrezione fecale di estrogeni assicurandosi che l’ormone non sia intrappolato ad alti livelli nel corpo
  2. Limita le carni rosse e lavorate in quanto queste possono essere associate a livelli più elevati di estrogeni
  3. Limita i carboidrati raffinati e gli alimenti trasformati
  4. Non include l’alcol – la ricerca ha dimostrato che in alcune persone, le bevande alcoliche possono influenzare i livelli ormonali e possibilmente aumentare i livelli di estrogeni .

Se hai raccolto il coraggio di schiacciare il tuo obiettivo di perdita di peso, lascia che Betterme tolga il pungiglione da questo processo impegnativo. La nostra app ti aiuterà a ristrutturare le tue abitudini, rimodellare la tua vita e aumentare i tuoi risultati di fitness!

Una dieta priva di glutine per abbassare gli estrogeni: può aiutare?

Negli ultimi anni, con l’aumento dei casi di sensibilità al glutine, il glutine è stato messo sotto esame con molte persone che cercano di capire di cosa si tratta e come può influenzare il tuo corpo in modo sia positivo che negativo. Anche se potremmo non avere a che fare con il caso della sensibilità al glutine, molti ancora non capiscono cosa sia effettivamente il glutine.

Secondo un articolo della Harvard School of Public Health, il glutine è una proteina che si trova naturalmente in alcuni cereali tra cui grano, orzo e segale. Una recensione sulla rivista Food microbiology afferma inoltre che queste proteine – formalmente note come prolamine – sono ulteriormente classificate a seconda del tipo di grano da cui provengono. Tuttavia, la cosa principale da capire è che il glutine svolge un ruolo chiave nel determinare come il grano assorbe l’acqua, la sua coesione, viscosità e l’elasticità dell’impasto .

Quando si tratta di glutine in particolare, quando le persone che sono intolleranti ad esso consumano queste proteine, il corpo produce anticorpi per attaccarli e distruggerli.

Nel corso del tempo e mentre continui a consumare glutine, gli anticorpi finiscono per danneggiare e distruggere i microvilli nel tratto digestivo portando alla fuoriuscita di particelle di cibo nel flusso sanguigno e renderanno molto più difficile per il cibo muoversi attraverso l’intestino tenue e per il corpo assorbire i nutrienti..

  • La celiachia, nota anche come enteropatia sensibile al glutine, è una malattia autoimmune scatenata dal glutine. Secondo due studi – pubblicati nel 2010 dal World Journal of Gastroenterology e un altro nel 2015 dal Gastroenterology and Hepatology from Bed to Bench, le donne che soffrono di questa malattia possono avere un rischio maggiore di compromissione della fertilità e esiti avversi della gravidanza .

Se stai cercando un semplice piano di dieta a basso contenuto di estrogeni senza glutine per aiutarti non solo a combattere la sensibilità al glutine – se ce l’hai – ma anche ad aiutarti a combattere contro la dominanza degli estrogeni, ecco un semplice menu di 1 giorno per mostrarti cosa puoi mangiare.

Pasto 1 – Frittelle di farina di cocco

La farina di cocco è una buona opzione di farina che non ha glutine.

Ingredienti – 1/3 tazza di yogurt greco, 2 cucchiai di sciroppo d’acero, 3 uova grandi, 2 cucchiai di burro fuso, 1/3 tazza di farina di cocco, 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio, sale kosher, spray da cucina

Calorie: 698. Grassi: 44 g. Proteine: 26 g. Carboidrati: 51 g.

Ottieni la ricetta da Delish

Pasto 2 – Pollo al forno e ceci

439 g di ceci, 453 g di mini peperoni dolci, 2 cucchiai di olio d’oliva, sale e pepe q.b., 2 cucchiai di salsa harissa, 4 piccole cosce di pollo a pelle, coriandolo tritato, per servire

Calorie: 630. Grassi: 42 g. Proteine: 30 g. Carboidrati: 22 g.

Ottieni la ricetta dalla Festa della Donna 

Pasto 3 – Salmone al forno

Ingredienti – 4 filetti di salmone, 2 cucchiai di burro fuso, 1/2 cucchiaio di succo di limone, 3 spicchi d’aglio tritati, sale e pepe q.b., 1 cucchiaino di prezzemolo tritato finemente, 1 cucchiaino di aneto tritato finemente

Questa ricetta fa 4 porzioni. Puoi avere il salmone da solo o con un po ‘di riso al cavolfiore.

Calorie: 296. Grassi: 34 g. Proteine: 16 g. Carboidrati: 1 g.

Ottieni la ricetta da Down Shifology

Assunzione totale per il giorno: Calorie: 1624. Grassi: 120 g. Proteine: 72 g. Carboidrati: 74 g.

Motivi per cui BetterMe è una scommessa sicura: una vasta gamma di allenamenti per bruciare calorie, ricette per leccarsi le dita, supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sfide che ti terranno sul tuo miglior gioco e che graffiano la superficie! Inizia a utilizzare la nostra app e guarda la magia accadere.

Domande frequenti

In che modo bassi livelli di estrogeni e dieta si influenzano a vicenda?

Secondo una recensione pubblicata dalla rivista Clinical Biochemistry, i ricercatori hanno affermato che gli alimenti che si mangiano possono influenzare la produzione e la secrezione di ormoni con azioni dirette sull’intestino, dai riflessi nervosi, attraverso cambiamenti nella concentrazione di vari metaboliti nel sangue o secondari a cambiamenti nei livelli di ormone intestinale circolante .

In breve, la dieta può influenzare i livelli di estrogeni in entrambe le direzioni influenzando il metabolismo degli estrogeni e l’escrezione nel corpo . Ad esempio, un modello dietetico occidentale può essere associato ad un aumento dell’estradiolo libero nelle donne in postmenopausa .

Quali sono le cause di alti livelli di estrogeni nel corpo?

Poiché questo ormone si trova sia negli uomini che nelle donne, gli estrogeni possono essere squilibrati sia negli uomini che nelle donne. I fattori che possono innescare alti livelli di estrogeni includono contraccettivi ormonali, farmaci come la terapia sostitutiva degli estrogeni o fenotiazine tra cui alcuni antibiotici, aumento di peso e obesità, età, aumento dei livelli di stress, tumori e altre condizioni ormonali.

Come aumentare i livelli di estrogeni nel corpo?

Secondo medicalnewstoday.com, bassi livelli di estrogeni nel corpo sono spesso il risultato della menopausa. Tuttavia, in alcuni casi, questa condizione può essere causata da fattori come insufficienza ovarica prematura, condizioni congenite, disturbi della tiroide, troppo esercizio fisico, sottopeso, procedure mediche come la chemioterapia e una ghiandola pituitaria a basso funzionamento.

Proprio come con la dominanza degli estrogeni, cambiare la tua dieta potrebbe aiutarti ad affrontare questo problema e persino ad aumentare i livelli di questi ormoni. Una dieta per bassi livelli di estrogeni è quella che è piena di alimenti vegetali per la costruzione di estrogeni come tofu, semi di sesamo e lino, soia, hummus e aglio. Dovresti anche assicurarti di avere più vitamine del gruppo B e vitamina D nella tua dieta.

Una dieta a basso contenuto di carboidrati con dominanza estrogenica è la migliore per alti livelli di estrogeni?

Quando si tratta della migliore dieta a basso contenuto di estrogeni, gli studi hanno dimostrato che la dieta mediterranea può abbassare i livelli di estrogeni e aiutare a prevenire i tumori del cancro al seno del recettore degli estrogeni dopo la menopausa .

La conclusione

Come visto sopra, i cambiamenti nella dieta possono aiutare a riportare gli ormoni a livelli normali. Se sospetti di avere alti livelli di estrogeni, parla prima con il tuo medico per determinare se i tuoi sintomi sono come sospetti che siano.

DISCONOSCIMENTO:

Questo articolo è inteso solo a scopo informativo generale e non affronta circostanze individuali. Non è un sostituto della consulenza o dell’aiuto professionale e non dovrebbe essere invocato per prendere decisioni di alcun tipo. Un medico autorizzato dovrebbe essere consultato per la diagnosi e il trattamento di eventuali condizioni mediche. Qualsiasi azione intrapresa in base alle informazioni presentate in questo articolo è strettamente a proprio rischio e responsabilità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *