Cosa rompe un digiuno: le cose da fare e da non fare del digiuno intermittente

Cosa rompe un digiuno

Quando la maggior parte delle persone sente la parola digiuno, non è raro supporre rapidamente che sia per scopi religiosi, anche se ci sono benefici scientificamente provati del digiuno al di fuori dei guadagni spirituali. Che sia per scopi religiosi o meno, è semplicemente il consumo controllato di cibo. Per chiunque intenda intraprenderne uno, ciò che rompe un digiuno è una delle prime cose di cui vogliono essere sicuri. Sebbene le risposte a questo possano essere fonte di confusione per qualcuno che non dispone di informazioni adeguate, è importante notare che la risposta a questo varierà a seconda del tipo di digiuno che si sta seguendo e per quale scopo.

Oltre agli scopi religiosi, le persone si impegnano nel digiuno per vari motivi. La perdita di peso, una possibile cura per il diabete, la forma fisica, la prontezza mentale sono solo alcuni dei numerosi benefici dichiarati del digiuno intermittente. Quando le persone non mangiano, molte cose sono coinvolte dalla combustione del grasso in eccesso immagazzinato nel corpo a un’intensa sensazione di debolezza quando l’intera energia è stata esaurita al massimo. Tra le diverse idee sbagliate, alcune persone pensano che prendere qualcosa come l’acqua durante un digiuno significhi la fine di esso. Questo però non è del tutto vero in quanto ci sono sostanze che puoi consumare senza romperlo.

Cos’è il digiuno intermittente?

Quando ci svegliamo al mattino, stiamo cercando il primo pasto della giornata: la colazione. Bene, ciò significa semplicemente che abbiamo digiunato dal momento in cui abbiamo finito la nostra cena la sera precedente. Dopo aver nascosto il tuo panino all’avocado o aver bevuto i tuoi cereali, hai rotto con successo il digiuno. Il digiuno intermittente sta andando senza cibo a intervalli, e ci sono vari modi per raggiungere questo obiettivo.

Il digiuno intermittente non dovrebbe portare alla fame. I due sono diversi perché il digiuno intermittente è intenzionale. Dopotutto, l’individuo ha scelto di trattenersi da qualsiasi forma di pasto anche quando c’è abbastanza spazio intorno alla casa. La fame, d’altra parte, non è niente come il digiuno; È la mancanza involontaria di consumo di cibo. Di solito è al di fuori del controllo delle persone che lo sperimentano, e questo è un risultato diretto della mancanza di accesso al cibo. Molte persone in tutto il mondo cadono preda della fame su base giornaliera.

Vedi anche
Digiuno intermittente endomorfo: come funziona

Esistono diversi tipi di digiuno intermittente, a seconda dello scopo e dello stato di salute delle persone che considerano di essere attivamente coinvolte in essoQuesti includono:

Un digiuno di 12 ore

Questo tipo è il più facile per i principianti in quanto comporta il digiuno per 12 ore al giorno. L’individuo può, quindi, scegliere di digiunare subito dopo aver preso l’ultimo pasto della giornata, verso le 8 di sera e terminarlo facendo colazione verso le 8 del mattino del giorno successivo.

Vuoi costruire un culo di bolle che attiri l’attenzione, spazzare via il grasso che è immagazzinato in tutti i posti sbagliati, pulire la tua dieta, riportare indietro l’orologio sulla tua pelle, far salire alle stelle la tua fiducia in te stesso e distruggere le tue insicurezze? Dai un’occhiata all’app BetterMe e metti in moto questo piano!

Un digiuno di 16 ore

Durante questo tipo di digiuno, l’individuo avrà solo la libertà di mangiare entro una finestra di 8 ore. Se stai pensando di provarlo, l’approccio migliore è finire la cena alle 19:00 circa e andare senza consumare pasti fino alle 11:00 del giorno successivo. Puoi mangiare dalle 11:00 alle 19:00 quando ricomincia il digiuno.

Un veloce 5:2

Ciò comporta la scelta di due giorni della settimana per andare senza l’apporto calorico standard. Gli uomini di solito rimangono entro un limite di 600 calorie mentre le donne pattinano con 500 calorie al giorno.

Digiuno a giorni alterni

Ci sono vari approcci a questo tipo di digiuno, ma il più comune è rinunciare del tutto al cibo per un giorno e poi tornare alla normalità una volta trascorse le 24 ore.

“Saltare i pasti” velocemente

Questo è un digiuno in cui l’individuo sceglie di saltare la colazione, il pranzo o la cena. È un tipo comune di digiuno in cui la maggior parte delle persone si impegna poiché non richiede cambiamenti drammatici e restrizioni drastiche di sorta.

Un digiuno di 20 ore

Durante un digiuno di 20 ore, è abbastanza autoesplicativo che dovresti licenziare il cibo per 20 ore. Ti restano ancora le restanti quattro ore del giorno, quindi sentiti libero di goderti un pasto delizioso. Se hai deciso di provare questo veloce, dovresti consultare un dietista esperto o qualsiasi operatore sanitario correlato in quanto potrebbe essere rischioso per chiunque abbia un problema di salute di base.

Vantaggi del digiuno intermittente

Uno dei benefici più noti del digiuno è la perdita di peso, ma ci sono numerosi altri vantaggi in questa routine che sono spesso trascurati. Quando ti impegni attivamente nel digiuno intermittente, i seguenti sono alcuni dei vantaggi che hai da ottenere:

  • Perdita di grasso
  • Prevenzione e riduzione dell’insorgenza di malattie come le malattie neurodegenerative, il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro
  • Miglioramento delle condizioni cardiache
  • La stabilità mentale, la forma fisica e la vigilanza aumentano
  • Corpo sano e in forma
  • Chiarezza mentale
  • Riduzione dell’insulina nel sangue
  • Riduzione del livello di zucchero nel sangue
  • Prevenzione della pressione alta
  • Diminuzione dell’infiammazione delle cellule

Cosa rompe un digiuno e cosa no?

In generale, una volta che consumi qualcosa che fornirà abbastanza calorie per alimentare il fabbisogno energetico del corpo durante il digiuno, allora ti sei buttato fuori con successo dallo stato di digiuno. A tal fine, ci sono cibi o bevande particolari che puoi consumare durante il digiuno e riesci comunque a rimanerci.

Quindi, quale quantità di calorie rompe un digiuno? Questo è meglio rispondere quando sai cosa consumare durante il digiuno e cosa no. L’acqua è una bevanda priva di calorie, quindi puoi trangugiare tutto ciò che vuoi fino a quando non hai placato la sete. Ma non è l’unica bevanda che non influenzerà il tuo digiuno. Erin Palinski-Wade, RD, autrice di 2 Day Diabetes Diet, ritiene che bere un tipo e una quantità specifici di caffè, tè e persino l’aggiunta di dolcificanti artificiali non influenzerà lo scopo del digiuno.

Durante questo periodo, dovresti cercare il più possibile di trattenere le bibite perché contengono molto zucchero, quindi contengono calorie vuote. È meglio lasciare fuori le bibite nella vostra dieta generale, che siate a digiuno o meno. Le bibite dietetiche, che non sono necessariamente ipercaloriche, non dovrebbero essere assunte durante il digiuno in quanto potrebbero raddoppiare l’appetito. Inoltre, non indulgere in bevande alcoliche in quanto non solo romperanno il digiuno a causa del contenuto di zucchero, ma ti faranno anche venire fame, portando così alla fine prematura del tuo digiuno.

Quando si tratta di perdita di peso, i progressi sono fatti per pollici, non per miglia, quindi è molto più difficile da tracciare e molto più facile rinunciare. L’app BetterMe è il tuo personal trainer, nutrizionista e sistema di supporto tutto in uno. Inizia a utilizzare la nostra app per rimanere in pista e ritenerti responsabile!

Quali alimenti sono i migliori per raggiungere il tuo obiettivo di digiuno?

Di seguito è riportato un elenco di alimenti adatti al raggiungimento degli obiettivi e dello scopo di un digiuno intermittente.

  1. Proteine: aiuta a costruire la massa muscolare e dare al metabolismo la spinta di cui ha bisogno, per citarne alcuni. Alcuni esempi di alimenti ricchi di proteine e adatti durante il digiuno sono uova, frutti di mare, soia, fagioli, legumi, pesce e pollame, latte, yogurt e formaggio.
  2. Carboidrati: forniscono energia al corpo e possono provenire da diverse classi di alimenti, in particolare fibre, amidi e zuccheri. Alcuni esempi di questo includono riso integrale, mele, fagioli, banana, avena, patate dolci, bacche, carote, broccoli, mandorle e ceci.
  3. Grassi: alcuni alimenti sono ricchi di grassi sani a catena lineare e polinsaturi e aiutano ulteriormente a ridurre le probabilità di contrarre malattie cardiache, ipertensione e molto altro ancora. Esempi di tali grassi sani sono avocado, formaggio, pesce salmone, yogurt intero, uova intere, formaggio, noci, cioccolato fondente, extra virgin olio d’oliva e uova intere.

Altri alimenti consentiti durante il digiuno sono verdure, fermentate o non fermentate, crauti, tempeh, lattuga, sedano, pomodori, fragole, cetrioli, latte scremato e yogurt bianco. Dovresti anche assicurarti di bere molta acqua durante questo periodo. In effetti, sarebbe meglio se facessi la tua regola di non consumare cereali raffinati, alimenti e carni trasformati e bevande analcoliche, tra gli altri.

Che tipo di caffè rompe un digiuno?

L’acqua è naturalmente l’unica bevanda priva di qualsiasi quantità di calorie. Tuttavia, se hai voglia di preparare una tazza di caffè al mattino, non romperai il digiuno se ti attieni al caffè nero e al tè naturale senza aggiungere zucchero, dolcificanti, prodotti dietetici come il latte; se scremato o intero. L’aggiunta di uno di questi potrebbe terminare il digiuno.

Sebbene la maggior parte dei caffè sia naturalmente priva di calorie, assicurati di non esagerare in modo da non stuzzicare l’appetito. La ragione di questo aumento dell’appetito è attribuita al contenuto di caffeina del caffè.

Se senti il bisogno di aggiungere un po ‘di gusto e sapore al tuo caffè quando sei a digiuno, allora alcune spezie aromatizzate ti daranno risultati perché hanno un contenuto energetico pari a zero. Puoi aromatizzare il tuo caffè con cannella in polvere e dolcificanti.

Quale dolcificante artificiale rompe un digiuno?

Il dolcificante artificiale si riferisce a determinate sostanze che danno lo stesso effetto dolce dei dolcificanti naturali come lo zucchero e il miele. Sono prodotti in laboratorio e alcuni di loro hanno zero calorie, mentre altri sono caricati con loro. Per sapere quale dolcificante artificiale rompe un digiuno, devi conoscere il suo contenuto calorico.

Allo stesso tempo, devi essere sicuro se i dolcificanti artificiali di tua scelta ti daranno il risultato richiesto o meno. Alcuni dei dolcificanti artificiali che non ti buttano fuori dallo stato di digiuno sono: saccarina, aspartame, sucralosioTuttavia, se scegli dolcificanti artificiali come zuccheri di alcol ad alto contenuto calorico (sorbitolo, maltitolo e xilitolo) romperanno il digiuno.

Digiuno intermittente: cosa rompe un digiuno su Keto?

Una dieta cheto è una sorta di digiuno che mira a raggiungere alcuni degli obiettivi di perdita di peso come il digiuno intermittente. La dieta cheto comporta il consumo di cibi e bevande a basso contenuto calorico. Mentre dipendi principalmente dalle calorie dai grassi, altri provengono da un apporto moderato di proteine e dall’astinenza parziale o totale dai carboidratiImplicitamente, quando si segue questa dieta, ci si aspetta che ci si astenga da cibi e bevande ipercalorici come proteine ad alto contenuto di carboidrati, bevande alcoliche, bevande analcoliche e soda. Mentre la dieta cheto mira a ridurre l’assunzione totale di calorie nei pasti, il digiuno intermittente si concentra maggiormente sulla strutturazione di quanto si può mangiare alla volta.

Come rompere un lungo digiuno?

Prendi nota dei seguenti punti prima di interrompere un digiuno prolungato:

  1. Bevi abbastanza liquido per mantenerti idratato.
  2. Quando vuoi mangiare, inizia con qualcosa di leggero come montare un’insalata di cetrioli con pomodori tritati e prezzemolo.
  3. Si consiglia di mangiare molto pesce o pollame per assicurarsi di raggiungere i vostri obiettivi proteici giornalieri. Assicurati di non consumare troppo.
  4. Le verdure non amidacee possono essere aggiunte alla vostra dieta (fagioli, cavoli, cavolfiori, melanzane, verdure, cetrioli ecc.). Cuocerli in grassi sani come l’olio vegetale.
  5. Mangia qualcosa di più consistente se non riesci a soddisfare la tua fame.

Il digiuno intermittente non è così impegnativo come è incrinato per essere. Il principio di base è non consumare cibi o bevande che potrebbero essere una fonte di energia per il corpo durante questo periodo. Assicurati di deliberare sul motivo per cui vuoi provarlo e prima di saltare subito, contatta il tuo medico o dietista in modo che lui o lei possa darti il via libera.

DISCONOSCIMENTO:

Questo articolo è inteso solo a scopo informativo generale e non affronta circostanze individuali. Non è un sostituto per la consulenza o l’aiuto professionale e non dovrebbe essere invocato per prendere decisioni di alcun tipo. Qualsiasi azione intrapresa sulle informazioni presentate in questo articolo è strettamente a proprio rischio e responsabilità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *