Rompere un digiuno: cibi e bevande che possono far deragliare i risultati

Rompere un digiuno

In questi giorni, la perdita di peso è una delle priorità per migliaia di persone in tutto il mondo. Quello che stanno cercando sono piani dietetici e di allenamento efficaci che potrebbero portare all’effetto che desiderano in un breve periodo di tempo. Forse a causa dell’urgenza del tempo, queste persone spesso apportano seri cambiamenti nella loro vita iniziando una nuova dieta senza scavare correttamente nei dati per scoprire quale piano nutrizionale dovrebbero scegliere. Questo è un grave errore, poiché alcuni dettagli tendono ad essere ciò che è più importante quando si tratta di salute.

Il digiuno intermittente è un piano alimentare efficace che ha migliaia di sostenitori. Di norma, quando gli osservatori di peso decidono su questa dieta, scelgono il programma più adatto per il digiuno e capiscono gli alimenti che mangeranno durante le loro “finestre di mangiare”. Tuttavia, c’è un dettaglio importante che di solito ignorano: come rompere un digiuno correttamente e senza danneggiare la salute e il sistema digestivo in particolare. In questo articolo scoprirai informazioni dettagliate su quali alimenti è meglio evitare per non perdere i benefici ottenuti dalla dieta e quali alimenti sono più adatti per rompere un digiuno. Ci sono anche alcuni fatti sul digiuno intermittente stesso, per quanto riguarda il suo effetto sul tuo corpo. Continua a leggere per scoprirlo!

Digiuno intermittente: una breve guida

Il nostro moderno mondo di perdita di peso offre un numero enorme di piani dietetici – tutti ti promettono risultati incredibili. Di questi, il digiuno intermittente è uno che è elencato tra le diete più popolari. L’idea è che non si mangia in determinati periodi di tempo ogni giorno.

Tale dieta aiuta a tagliare i chili indesiderati in quanto si limita significativamente l’apporto calorico e, allo stesso tempo, si migliorano le metriche di salute generale. Insieme agli esercizi fisici su base regolare, potrebbe causare l’abbassamento dei rischi per il diabete e persino alcuni tipi di cancro. Secondo alcune prove, potrebbe anche migliorare la propria salute legata a condizioni mediche come ictus, asma, sclerosi multipla, artrite e altro ancora.

Ci sono numerosi approcci a questa dieta. Ad esempio, alcune persone a dieta preferiscono seguire il loro piano alimentare regolare cinque giorni alla settimana e digiunare gli altri due giorni. Altri digiunano a giorni alterni. Un altro approccio diffuso è quello di mangiare solo durante una finestra di 8 ore del giorno e digiunare le restanti 16 ore del giorno.

Questa dieta è fondamentalmente sicura per la maggior parte delle persone, ma non esattamente adatta a nessuno. È fondamentale consultare il proprio medico o dietista prima di iniziare questo piano nutrizionale. Dovresti anche tenere presente che il digiuno intermittente può portare a una serie di effetti collaterali, come fame, affaticamento, mal di testa, insonnia e altro ancora. Tuttavia, può essere rassicurante sapere che questi effetti di solito svaniscono dopo circa un mese quando il tuo corpo si abitua al nuovo regime.

Come rompere un digiuno?

Sì, il digiuno intermittente non sembra qualcosa di estremamente difficile e nella maggior parte dei casi le persone a dieta non prestano particolare attenzione ai dettagli. Molto spesso i seguaci di questo modello alimentare sono molto attenti con l’inizio della loro giornata di digiuno. Prestano attenzione ai loro corpi e incorporano questo cambiamento di stile di vita molto delicatamente. Molte persone, tuttavia, tendono a trascurare un altro aspetto importante: che è altrettanto cruciale rompere il digiuno con attenzione e correttamente.

Innanzitutto, è importante capire che ci sono diversi tipi di digiuni. Ci sono digiuni lunghi e brevi che si basano sulla durata del tempo. Un periodo di digiuno di 12-24 ore è considerato a breve termine, e quello che dura più di 36 ore, è a lungo termine. Questi hanno effetti diversi sul tuo corpo.

Si verifica un digiuno a breve termine quasi ogni giorno, anche se non si segue un modello dietetico di digiuno intermittente. Questo accade quando hai il periodo tra dopo aver mangiato la cena fino al primo pasto il giorno successivo. Tale digiuno non ha alcun impatto specifico sul corpo e sulle funzioni digestive in particolare. Anche rompere questo tipo di digiuno non richiede alcun approccio o pianificazione speciale. Tuttavia, il digiuno a lungo termine ha un effetto leggermente diverso sul tuo corpo. Durante tali digiuni è più probabile che il tuo corpo diminuisca la quantità di enzimi digestivi prodotti dal tuo sistema digestivo. Questo è il motivo per cui tornare a mangiare su questo tipo di digiuno richiede più attenzione e pianificazione.

Che tu sia una bestia da allenamento o solo un principiante che fa la tua prima incursione nel mondo del fitness e della dieta – BetterMe ha molto da offrire sia ai neofiti che agli esperti! Installa l’app e sperimenta la versatilità in prima persona!

Il lavoro del tuo corpo durante i tuoi giorni di digiuno

Scopriamo maggiori dettagli sul lavoro del tuo corpo durante i tuoi giorni di digiuno. Quando inizi con il tuo viaggio di digiuno intermittente, il tuo corpo avrà bisogno di un po ‘di tempo per adattarsi. Durante la tua dieta abituale, quando hai mangiato regolarmente, il tuo corpo ha usato l’energia metabolica per produrre enzimi digestivi per elaborare efficacemente gli alimenti che hai consumato. Tutto questo cambia quando inizi a praticare il digiuno intermittente. Il tuo corpo semplicemente non ha bisogno e quindi non produce la stessa quantità di enzimi, e invece la tua energia metabolica viene utilizzata per altre funzioni nel tuo corpo. Forse per questo motivo i digiunatori spesso sperimentano una sferzata di energia e hanno una maggiore sensazione di benessere (6).

Rompere un digiuno a lungo termine può portare a una litania di effetti collaterali. Quando inizi a mangiare di nuovo dopo un periodo prolungato di digiuno e dopo che il tuo corpo ha rallentato la produzione di enzimi, potresti notare gonfiore, dolori di stomaco, diarrea, nausea e altro ancora. Ciò accade perché il tuo corpo non ha le quantità necessarie di enzimi digestivi per elaborare gli alimenti che mangi, e quindi rimane nello stomaco più a lungo. In questo momento, il tuo corpo ha bisogno di un paio d’ore o più per iniziare a digerire il cibo.

Esistono diversi metodi efficaci che possono aiutarti a ridurre al minimo questi effetti collaterali. In primo luogo, è importante digiunare regolarmente. In questo modo, il tuo corpo si abitua a questo modello alimentare e non cessa di produrre enzimi. Di conseguenza, non dovrai affrontare tali effetti collaterali alla fine del tuo periodo di digiuno. Naturalmente, dopo un certo periodo di pratica del digiuno intermittente di tipo nutrizionale, sarai in grado di finire i digiuni nel modo che preferisci. Ma nota che è importante prestare attenzione durante l’inizio del tuo nuovo stile di vita (circa i primi 2 mesi).

In secondo luogo, l’uso degli alimenti più nutrienti per rompere un digiuno ti aiuterà a evitare o ridurre al minimo gli effetti collaterali sopra elencati. Quindi ora la domanda è: quali cibi mangiare e quali evitare quando si rompe un digiuno?

Ottieni il tuo piano personale in base alla tua età e al tuo BMI
Seleziona il tuo sesso

Alimenti da evitare quando si rompe un digiuno

Ci sono alimenti che possono essere troppo duri per il tuo sistema digestivo ed è meglio evitarli fino a quando il tuo corpo non si abitua a questo modello alimentare e capisce che non è uno stress, ma un nuovo stile di vita. Di seguito puoi vedere un elenco di alimenti che NON sono una buona scelta per rompere il digiuno.

  • Frutta a guscio e semi (compresi i burri di frutta a guscio e di semi)
  • Verdure crocifere crude (puoi sostituirle con quelle cotte)
  • Alcool
  • Carni rosse
  • Alimenti che sono problematici per te personalmente

Questo non significa che non dovresti mangiare affatto questi alimenti. Dopo una finestra di 6 ore, il tuo corpo dovrebbe essere abituato al fatto che il digiuno è completo e puoi tranquillamente mangiare tutti gli alimenti sopra elencati. Inoltre è importante evitare il cibo spazzatura, poiché sono ricchi di grassi, sale e zucchero.

Cosa mangiare quando si rompe un digiuno?

In primo luogo, è meglio iniziare i giorni di non digiuno con attenzione e gradualmente. Se mangi qualcosa con un alto contenuto di grassi e zuccheri e persino ricco di fibre subito dopo il digiuno, metterà un enorme stress sul tuo sistema digestivo. Dovresti iniziare con piccole porzioni e scegliere gli alimenti che sono più facili da digerire. In questo modo non sovraccaricherai il tuo tratto digestivo ed eviterai spiacevoli effetti collaterali. Quindi, ad esempio, è meglio non bere soda o mangiare il tuo hamburger preferito in questo momento. Anche gli alimenti sani ad alto contenuto di fibre, come noci e semi, possono essere dannosi per te all’inizio. Di seguito puoi trovare un elenco di alimenti che possono aiutarti a rompere un digiuno delicatamente e gradualmente.

  • Grassi sani

Ad esempio, un avocado o un uovo sodo saranno perfetti per questo caso. I grassi sani hanno anche una serie di benefici per la salute: riducono i rischi di malattie cardiache e ictus, riducono la pressione sanguigna e altro ancora.

  • Succhi puri freschi

Sono nutrienti e non saranno una bomba di fibre per il tuo corpo come frutta e verdura crude. Qui puoi aggiungere i tuoi ingredienti preferiti e ottenere una bevanda con sostanze nutritive essenziali.

  • Minestre

Una grande fonte di carboidrati che saranno facilmente digeribili e con proteine. Ingredienti come pasta, lenticchie o tofu potrebbero aiutarti a finire delicatamente il digiuno.

  • Frutta secca

L’uvetta o le albicocche secche possono essere un ottimo spuntino nella prima parte dei giorni non a digiuno. Anche i datteri sono una buona opzione, in quanto sono ricchi di sostanze nutritive essenziali.

Perdere chili a dozzine senza mettersi attraverso lo strizzatore è il sogno irrealizzabile di tutti per la perdita di peso. Ma cosa succederebbe se ti dicessimo che l’app BetterMe può farlo accadere? Mantieniti in ottima forma con i nostri allenamenti per bruciare i grassi, le deliziose ricette che risparmiano il budget e le sfide che trasformano il corpo con la nostra app!

  • Verdura

Rompere un digiuno può essere molto più facile con le verdure. Tuttavia, dovresti optare per le verdure cotte morbide e amidacee, come le patate.

  • Alimenti fermentati

Questo tipo di cibo è benefico per il tuo sistema digestivo. Yogurt e kefir non solo ti aiuteranno a rompere velocemente delicatamente, ma sosterranno anche la salute del tuo tratto digestivo. Possono popolare l’intestino con batteri buoniIl kefir supporta il sistema immunitario e ha proprietà antimicrobicheLo yogurt è ricco di probiotici, che aiutano a prevenire e curare la diarrea, costipazione, infezioni del tratto respiratorio e altro ancora Come puoi vedere, gli alimenti fermentati sono un’opzione ideale in questo senso.

Alcuni consigli per il tuo successo

Qui puoi trovare alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a rompere un digiuno in sicurezza.

  • Puoi iniziare a rompere il digiuno con l’idratazioneProbabilmente sai che l’acqua potabile ha una vasta gamma di benefici per la tua salute. Aiuta a mantenere l’equilibrio dei fluidi corporei, controllare le calorie, migliora la salute della pelle e supporta il corretto funzionamento dei reni, aiuta a perdere peso e altro ancoraÈ anche un’ottima opzione per terminare il digiuno.
  • Quando rompi il digiuno, è meglio ottenere le proteine da pesce e pollame. La dimensione della porzione dovrebbe essere simile alle dimensioni e allo spessore del palmo della mano. È possibile aggiungere verdure non amidacee, sopra la terra. Se ti senti ancora affamato dopo questi alimenti, puoi avere un avocado, che è ricco di sostanze nutritive.
  • È stato menzionato sopra, che è meglio evitare l’alcol quando si rompe un digiuno. Ecco alcuni dettagli. Se si consuma alcol dopo il digiuno, si può verificare chetoacidosi alcolica, in cui i chetoni sono molto alti nel sangue e la glicemia è estremamente bassa. Questa diagnosi è accompagnata da sintomi come dolore addominale e vomito. Questo è principalmente comune tra gli individui che stanno lottando con la dipendenza da alcol. Ci sono stati casi di questo tipo registrati tra le persone che avevano poco o nessun cibo prima di bere elevate quantità di alcol.
  • Assicurati di evitare di mangiare troppo ai pasti e di consumare cibo spazzatura durante il periodo di non digiuno. L’eccesso di cibo non solo ha un impatto dannoso sulla tua salute, ma annullerà tutti i benefici che ottieni dal tuo digiuno. È meglio concentrarsi su alimenti minimamente trasformati e integrali.
  • Se digiuni per un lungo periodo di tempo, puoi sperimentare carenze nutrizionali. Al fine di sostenere la vostra salute, è possibile prendere integratori durante il digiuno. È importante scegliere quelli che non romperanno il digiuno. È improbabile che i multivitaminici senza zuccheri senza riempitivi aggiunti, olio di pesce, collagene puro, probiotici, prebiotici e creatina rompano il digiuno.

Domande frequenti

Cosa posso bere durante il mio periodo di digiuno?

I giorni di digiuno (o parti della giornata) sono i momenti più difficili per i seguaci di questo piano dietetico. Sì, non dovresti mangiare nulla durante questo periodo. Se tuttavia, il digiuno diventa insopportabile per te, ci sono alcune bevande che possono aiutarti a gestirlo.

  • Acqua

L’acqua è una buona opzione non solo per rompere il digiuno, ma anche per affrontare il digiuno. Può aiutare a sopprimere l’appetito e sarà molto più facile per te non mangiare durante le ore diurne (2).

  • Tè e caffè

Il digiuno intermittente consente di bere bevande a basso contenuto calorico e zero calorie in quantità moderate. Tè e caffè non romperanno il digiuno. Tuttavia, assicurati di scegliere bevande non zuccherate senza ingredienti aggiunti, come latte o panna pesante. Un’opzione migliore è quella di avere una semplice tisana verde, nera o alle erbe.

Conclusione

In conclusione, come puoi vedere, rompere un digiuno richiede uno sforzo speciale e concentrarsi sul tempo come quando lo si avvia. È importante essere attenti e attenti al proprio corpo. Dovresti scegliere attentamente quali cibi mangiare durante il tuo primo giorno di non digiuno in modo da evitare effetti collaterali indesiderati. Dovresti sempre regolare il tuo digiuno a seconda dei tuoi limiti.

Il digiuno può essere difficile per chi è a dieta, poiché è importante prendersi cura del proprio corpo. Fai una regola per consultare un dietista prima di saltare in questo viaggio. In questo modo eviterai possibili rischi per la tua salute e raggiungerai il tuo obiettivo di fitness molto prima. Abbi cura e apprezza te stesso.

DISCONOSCIMENTO:

Questo articolo è inteso solo a scopo informativo generale e non affronta circostanze individuali. Non è un sostituto della consulenza o dell’aiuto professionale e non dovrebbe essere invocato per prendere decisioni di alcun tipo. Qualsiasi azione intrapresa in base alle informazioni presentate in questo articolo è strettamente a proprio rischio e responsabilità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *