Come battere il tuo sé più debole: motivazione all’esercizio fisico

Molte delle promesse che fai a te stesso o agli altri ruotano intorno alla perdita di peso e alla disciplina. Infine, il grasso nel collo, nella schiena dovrebbe essere stabile o la parte superiore delle braccia dovrebbe essere più definita. Per molti, la motivazione di solito scompare rapidamente quando il sé più debole entra in contatto.

D’altra parte, ci sono queste persone ammirevoli che fanno jogging da anni, vanno a fare yoga o vanno ad allenarsi a calcio dopo il lavoro, tutti li conosciamo e ci chiediamo: come fanno? Vogliamo continuare con questa domanda oggi.

Prima di tutto: queste persone hanno trovato il loro fattore motivante e hanno sviluppato alcune routine che facilitano l’integrazione dello sport in una vita stressante. La buona notizia è: puoi farlo anche tu! È così che puoi trovare la tua motivazione personale.

Da dove viene il “sé più debole”?

Quando evitiamo compiti spiacevoli, raramente è per motivi fisici. Ciò che ci impedisce di affrontare una conversazione attesa da tempo, di pulirci finalmente o di andare allo sport, è solo la nostra testa.

Il termine “sé interiore più debole” è stato stabilito per l’indolenza generale o la riluttanza ad affrontare le cose. Il bastardo semina pensieri come “oh, posso iniziare a correre dopodomani” o “non posso farlo comunque” e morde così ostinatamente che lasciamo andare i nostri propositi.

Ma come riusciamo a mettere a tacere il bastardo? La parola chiave è: allineare motivazione e obiettivi.

Che tipo di motivazione sei?

Proprio come ci sono mattinieri, anche le persone hanno motivi diversiper fare qualcosa. C’è molta ricerca sulla motivazione e ci sono diverse teorie. La teoria della motivazione di McClelland, che distingue tra i seguenti tre gruppi di motivi, è ben supportata da numerosi studi:

Motivazione per raggiungere

La motivazione al raggiungimento “descrive la spinta ad avere successo e lottare e perseguire obiettivi ambiziosi” (società psicologica aziendale). Se hai una forte ragione per il successo, vuoi fare le cose meglio e in modo più efficiente rispetto ad altre persone.

È importante che le persone orientate alle prestazioni agiscano in modo indipendente, ma anche che siano in grado di confrontarsi con gli altri per monitorare il proprio livello di prestazioni.

Se mettiamo in relazione questa motivazione delle prestazioni con lo sport, ad esempio, in un gruppo di corridori, la persona orientata alle prestazioni stabilirà obiettivi misurabili che vogliono “rompere”, ad esempio, coprire il giro di jogging giornaliero in meno di 30 minuti.

Motivazione del potere

La motivazione del potere descrive la necessità di acquisire influenza sugli altri e salire nella gerarchia. Le persone motivate dal potere sono più importanti per il loro status e prestigio che per le loro prestazioni effettive. In relazione al gruppo di corridori simbolici, una persona motivata dal potere cercherà di impostare il ritmo, indipendentemente dall’ora in cui parte alla fine. Questo distingue la sua ragione per il successo.

Motivazione della relazione

Un’altra motivazione è la motivazione della relazione o la motivazione della connessione sociale. Descrive la necessità di relazioni strette e amichevoli e legami sociali con altre persone

Coloro che sono motivati dalla relazione evitano situazioni competitive e si concentrano sulla cooperazione collegiale. In relazione al gruppo di corridori, una persona con motivazione relazionale ama essere lì perché gli piace muoversi nel gruppo; Eseguire determinati servizi o eccellere nel gruppo non è importante per lui.

La tua ragione determina (anche) il tuo modo di fare sport

Naturalmente, nessuno agisce per una ragione, ma il più delle volte un motivo dominante può essere riconosciuto. Realizzare la tua motivazione può aiutarti a trovare lo sport più adatto a te. Ad esempio, se sei più orientato alle prestazioni, documentare le tue prestazioni e i tuoi progressi, ad esempio con un fitness tracker o un’app, può essere molto utile. D’altra parte, coloro che tendono ad essere motivati dalla relazione saranno probabilmente più felici su un campo sportivo in buona compagnia che su una corsa solitaria nel parco.

Quale sport ti si addice di più?

Lo sport più grande ed efficace non ha senso se non viene praticato. Pertanto, dovrestiscegliere uno sport adatto a te, non uno che presumibilmente fa bene a te. Prendiamo il nuoto come esempio: un grande sport per costruire muscoli e rafforzare la schiena!

Ma nuotare è costoso, ci vuole tempo e già sotto la doccia inizi a congelare. Se questi fattori sono troppi per te, opta per uno sport che richiede meno sforzo. Ad esempio, prendi le tue scarpe da ginnastica e inizia a correre o camminare proprio fuori dalla porta di casa. Il primo ostacolo della motivazione è superato.

Anche l’ora del giorno è un fattore decisivo, se non ti piace la mattina, allora il piano per andare a correre subito dopo esserti alzato non è molto promettente a lungo termine. Perché non ti piace uscire al freddo la mattina e correre mezzo addormentato. La sera, dopo il lavoro, potresti trovarlo più facile.

Essere lì con passione e tutti i sensi. Goditi l’esercizio, l’aria fredda, guarda gli altri corridori, per seguire l’esempio, corri come un bambino: è così che puoi eliminare i tuoi ostacoli interni con divertimento.

Ultimo ma non meno importante, una delle chiavi per divertirsi esercitando è sempre fare un po ‘meno di quanto si possa effettivamente fare. Coloro che sono costantemente sopraffatti diventano irritabili e perdono la motivazione. La sensazione che ci sia ancora qualcosa da fare, d’altra parte, ci motiva a testare gradualmente i nostri limiti, giocosamente e senza pressione.

Dividi il tuo obiettivo in tante piccole fasi

“Voglio avere di nuovo un bell’aspetto in bikini per l’estate”, all’inizio sembra un obiettivo concreto. Ma per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo spezzare la strada in molti piccoli pezzi. Perché nessuno passa dall’essere un dipendente dalla TV all’essere un appassionato di sport in poche settimane.

Nel primo passaggio, annota il tuo obiettivo e posizionalo dove puoi sempre vederlo facilmente, ad esempio, sulla porta del frigorifero.

Ora si tratta di considerare come questo obiettivo può essere raggiunto: nel nostro caso, con una combinazione di dieta ed esercizio fisico.

Se vuoi fare più sport, dovresti porti le seguenti domande:

  • Come si inserisce lo sport nella mia vita quotidiana?
  • Da dove dovrebbe venire il tempo?
  • Quando dovrebbe svolgersi esattamente quale formazione?

Nella fase successiva, formulare obiettivi concreti e realistici, ad esempio, “domani alle 18:30 correrò 25 minuti nel parco”. Inserisci questi appuntamenti con te stesso nel calendario.

Lo sport diventa parte della tua vita

Hai determinato la tua motivazione, definito i tuoi obiettivi e li hai divisi in chiare fasi intermedie. Felicitazioni! Ora si tratta di lasciare che l’esercizio quotidiano diventi parte della carne e del sangue, come accade con le persone che ammiri per la tua disciplina. Questi suggerimenti ti aiuteranno a:

  • Se ti sei posto l’obiettivo di fare mezz’ora di sport ogni mercoledì alle 18.30, allora puoi creare le condizioni perfette in anticipo, ad esempio preparando la borsa della palestra di notte, riempiendo la borraccia o preparando i vestiti per la corsa.
  • Usa lo sport e il tempo di esercizio che possono essere facilmente integrati nella vita di tutti i giorni, ad esempio usa lo studio dietro l’angolo piuttosto che dall’altra parte della città, inizia a correre davanti alla porta o, se disponibile, usa le offerte sportive del tuo datore di lavoro.
  • Inserisci la formazione come data fissa sul tuo calendario che non può essere modificata.
  • Prepara un’alternativa per il maltempo, come nuotare invece di fare jogging quando fuori piove la corda.

Dichiara i tuoi obiettivi

Condividi il tuo progetto con chi ti circonda. Questo è un grande aiuto motivazionale, perché chi vorrebbe ammettere alla famiglia e agli amici più cari dopo poche settimane che il progetto non può essere realizzato? Quindi parlane!

Premiati

Dopo le prime settimane di euforia, di solito c’è una mancanza di motivazione. Preparatevi: arriverà! Con piccole ricompense per ogni successo, crea incentivi. Nello specifico, può essere un buon pasto, un nuovo accessorio o un pomeriggio di degustazione di arrampicata. Sicuramente ti verranno in mente cose belle con cui puoi premiarti.

Ammettere l’errore

Mantieni fresca la tua motivazione con una dose extra di ottimismoCiò include anche accettare le battute d’arresto e non scoraggiarsi da esse. Se trai sempre il meglio dalla situazione, ti avvicini un po ‘al tuo obiettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *